Crea sito


                                                                                       


Celeste è una dolce ragazzina quindicenne che ha trascorso undici

dei suoi anni insieme ai nonni materni,a causa della prematura

scomparsa del padre e dell’abbandono della propria madre andata via,

lontano, per curarsi da una brutta forma di depressione

che l’ha colpita dopo la morte del suo amato Gustavo.
Letizia però,per paura o forse per fragilità, non è mai più ritornata da

quel tenero gabbiano che sta lì ad aspettarla col suo affetto di bambina.
La piccola Celeste tiene con sé un vecchio diario sul quale

scrive le sue ingenue emozioni adolescenziali e molte di quelle

pagine sono dedicate alla sua mamma.
In uno di questi fogli descrive il suo unico sogno,quello di poter stare,

finalmente,tra le braccia della donna che le ha dato la vita:
“vorrei tanto sapere dove sei e come stai,se pensi ancora a

quella bambina che sta già per diventare donna.
Mi piacerebbe rendere limpida l’immagine sfocata

che ho del tuo sorriso.
Io non giudico la tua scelta,so che è stata per il mio bene,

per quella bambina che ami tanto; ed è per questo che non ti biasimo.
La mia è una vita serena,i nonni mi amano proprio come

una figlia,senza mai farmi mancare nulla,ma nel mio cuore ho sempre

vivo il tuo ricordo,il mio unico grande sogno.
Vorrei poterti abbracciare,dondolandomi tra le tue braccia

calorose di mamma;poter accarezzare il tuo viso fresco

come quello di un dolce Angelo celeste,affondare nei tuoi occhi

teneri e perdermi nel tuo sorriso, inebriata dal tuo limpido profumo.
Sai,spesso guardo fuori dopo un temporale e resto lì a guardare

 l’arcobaleno.

In quegli attimi ci immagino insieme,strette e accoccolate l’una

all’altra, davanti a quello spettacolo di colori che attraversano il cielo.

Chiudo gli occhi e sento quasi il mio corpo volare

via leggero, raggiungerti ovunque

tu sia ed insieme guardare l’infinito dalle soffici nuvole profumate.
La mia anima sa che quel giorno arriverà,che ti vedrò apparire

sulla porta di casa,oppure ancora a scuola,pronta

ad iniziare una nuova vita insieme a me.
Io non vado via,resto qui ad aspettare quell’attimo.

Aspetto sempre che il mio più grande sogno

si avveri e,finalmente,correre

dolcemente insieme,tra i petali incantati della vita.”

 Clody

 

 

<<<