Crea sito

 Silloge-

            Dedicate al mio papa' e alla esperienza della

                sua malattia che mi ha reso estremamente poeta

ed estremamente piu' forte.

                Grazie papa'.

Ti voglio bene.

  Dany

 

 

PREGHIERA

E' nei momenti di dolore

che si scrivono

le migliori poesie.

Signore,

ti prego,

non farmi diventare poeta.

 

PALPITO DI SPERANZA

                                                    All'improvviso

                                                              il buio si squarcia

                                                               e tutto ciō che c'č di bello nell'umanitā

                                                               ti si rovescia addosso.

                                                                        Cosa puoi fare?

                                                                Ti svegli

                                                                 e piangi.

 

Epopea illogica di una malattia

Aprile '87

Il medico dice:

" non riesco a capire il perchč

non riesca a parlare!"

Un altro medico scrive:

" si richiede un esame."

Mamma piange:

" c'č ancora!."

La figlia pensa:

" eppure abbiamo pregato tanto...

ci siamo illusi tanto

cercherō di pregare ancora..."

Mamma dice:

" morirā soffocato!"

Papā non dice pių:

" CIAO..."

Papā č stanco

e piange.

Papā scrive:

" mio dio

non voglio morire."

                                            La moglie gli dice:

                                            " appena stai meglio

                                            andiamo in ferie!"

                                            In trent'anni non sono mai usciti assieme.

                                            I figli dicono:

                                            " per il vostro anniversario

                                            vi regaleremo una crociera."

                                            Il padre annuisce

                                            e bisbiglia:

                                                            " grazie . "

                                            La madre mente.

                                            La figlia mente.

                                            I figli piangono di nascosto:

                                            sono uomini, loro!

                                            Papā invece non ha pių ritegno

                                            e piange davanti a tutti.

                                            " NON VOGLIO MORIRE..."

 

 

CANZONE TRISTE

Una canzone

antica

vibra

nell'aria.

Dov'č la voce

che la cantava con te

tanto tempo fa?

Chiudi gli occhi

e la risentirai

accanto.

 

DOLORE

 Torna,

   o sorriso

     su queste

stanche labbra.

   Inonda

      di nuova luce

                                                                                                                        questi occhi

                                                                                                                               resi ciechi

                                                                                                                               dal dolore.

 

DOMANDE

Perchč piangi

uomo?

" Piango la mia morte.

Ancor mi sembra

che troppo poco

ho vissuto."

Dovrai morire!

" Lo so.

Ma pure piango

per la  mia vita che rimane:

i miei figli,

mia moglie..."

Eppur dovrai morire.

" ...Piango

per le cose

mai fatte,

per i baci

mai dati,

per l'amore

non consumato

'che ancora

avrei tanto da fare..."

   Dovrai morire...

                                        MEMO

                                                                    La notte

                                                                    il dolore

                                                                    non riuscė a celare

                                                                    la morte

                                                                    di un amico

                                                                    non si puō dimenticare.

                                                                    Dovrai morire...

ACQUA FREDDA

Apri gli occhi,

papā.

Guarda gli uccelli

che sfrecciano liberi

nell'aria limpida.

Guarda lā in fondo,

papā.

Il sole sta tramontando

e ci regala

lo spettacolo

sempre nuovo

e bellissimo

dei suoi colori.

Non dormire,

papā.

Guarda i campi

rigogliosi

di messi

profumate...

Resisti,

papā.

Dopo l'inverno

vien sempre

la primavera.

cosė sarā.

Non morire,

papā...

 

UN UOMO MUORE

Nella penombra della stanza,

                    un uomo muore.

Due suore sgranano il rosario.

                    Qualcuno piange.

Il sole non batte sulla finestra

                    di quella stanza

                    ed ogni angolo č freddo.

Ogni persona lė dentro

avverte attorno a sč

una presenza\estranea

che poco ha a che fare

con il genere umano.

                    Sanno pure il nome di quella sensazione:

                                    MORTE!

Nella penombra della stanza

                un uomo  muore,

e la vita si č messa la coda fra le gambe

                e fugge.

E' come se la fiammella di una candela

si spegnesse.

E' la fiammella, che fa battere il cuore

di quell'uomo.

                Ma oramai č debole,  debole.

                Pių nulla la alimenta.

Neppure quelle due suore che sgranano il rosario,

neppure quei pochi che piangono.

            ...Forse il sole potrebbe,

             ma le finestre sono chiuse

            ed ogni angolo č freddo

            e i presenti avvertono la morte

            e la morte li conta

            ad uno ad uno.

 

TRAGEDIA

ci si abitua a tutto,

anche alla malattia.

...Basta

non guardarla

bene

in faccia.

 

                            LA DURA LEZIONE

                    Che dura

                            lezione

                            č stata, papā!

                            Tutto questo soffrire

                            per accorgermi,

                            solo ora,

                            di quanta felicitā

                            son fatte

                         le piccole cose

                            di ogni giorno.

                            Ora,

                            d'ogni giorno

                            senza di te

 

            QUELLA DOMENICA MAMMA PIANSE

Ancor mi spacca

il cuore

al sol ricordo:

l'ammalato

giaceva

inerte

e muto

( da troppo tempo )

nell'angolo

della stanza.

Muta la casa.

Muta.

E mamma

piangeva.

Nessuno,

nessuno

per dirle una parola

di conforto.

Muta la casa

e mamma piangeva!

NON COME STRUZZI

come struzzi

le teste

nascondete

fra la nebbia,

che nulla

di doloroso

o di triste

abbia

a colpirvi.

Come struzzi

negate

l'esistenza del MALE

e che

una parola,

un gesto

possa far BENE.

come struzzi

senza realtā...

Fin che potrete...

 

EGOISMO

   Quella parola

        non fu mai detta

        per sollevare

l'amico

condannato.

       Un' umile visita

       non fu mai fatta

      ' chč il ricordo

                di un corpo

morente

                       non abbia mai

a disturbare

              le tue notti.

                      " Voglio ricordarlo

com'era..."

         E dimmi:

                come si ricorderā

             lui di te?

              Cosė poco

ti potrebbe

costare

un gesto,

   una parola.

             Compila ora

                prima che sia

                  troppo tardi.

 

SE QUESTO E' UN UOMO

Se questo č un uomo

ho paura a vivere.

Inferno

muto

solo

arso

malato

maleodorante

putrido

vicino

addormentato

solo

malato

marcio

piagato

mangiato

solo.

Se questo č un uomo

ho paura di vivere

di morire.

                                                        E POI

                                       E poi

                                                         la morte

                                                         clemente

                                                         distese le sue ali

                                                         sul giaciglio

                                                        a lungo

                                                        dimenticato.

 

                                                        Cerco in me

                                                        parole da scrivere.

 

                                                        Solo in me

                                                        trovo

                                                        " E' morto. "

 


VOGLIA DI SPERARE

Sole d'agosto

in queste giornate

invernali

trascorse

sperando

in un miracolo.

sole d'agosto

in questi giorni

bui

di disperazione

e pianto.

Sogno un sole d'agosto

che ponga termine

a questa altalena

di speranze

e delusioni.

 

E' FINITA

                                                                            Non piange

                                                                                        mamma

                                                                                        papā č morto.

                                                                                        Il grande dolore

                                                                                        č finito

                                                                                         finalmente.

                                                                                        Non piangere

                                                                                        mamma

                                                                                        papā č morto!

 

 

                        A PAPA' CON AMORE

                                                                Papā,

                                                                ricordi

                                                                il fieno nei campi?

                                                                Papā,

                                                                ricordi

                                                                la mano di Roby

                                                                nella tua mano?

                                                                Papā,

                                                                ricordi le nostre corse

                                                                pazze

                                                                ( di gioia di vivere )?

                                                                Papā

                                                                io ricordo

                                                                sempre.

 

Daniela